AUDREY HEPBURN UN' ICONA

L' 8 Marzo è la festa della donna e anche il team dell'Osteria la Guana non mancherà di festeggiare con tutte voi una serata a tema. Per questo motivo abbiamo deciso di dedicare questo post ad una donna carismatica come Audrey Hepburn, accennando qualche curiosità sulla sua persona e la sua vita.





Audrey Hepburn e la danza

Audrey Hepburn iniziò a frequentare lezioni di balletto presso il collegio in Inghilterra al quale venne iscritta dalla madre quando aveva circa 10 anni. Il balletto divenne poi la passione di Audrey, che aspirava a diventare una celebre ballerina. Dopo la guerra, lei e la sua famiglia si trasferirono ad Amsterdam, dove la mamma trovò lavoro come cuoca presso un’agiata famiglia e riuscì a racimolare il necessario per pagare le lezioni di danza alla figlia. Audrey iniziò a prendere lezioni dalla rigorosa insegnante russa Sonia Gaskell, che le permise di perfezionare il portamento, l’equilibrio e la concentrazione. Rimaneva solo un unico, grande problema: l’altezza.


Iniziò a prendere lezioni dalla severa Madame Rambert, che le offrì una borsa di studio e la ospitò a casa sua sapendo della grave condizione economica in cui versava. Iniziò a seguire le lezioni dalle dieci del mattino alle sei di sera, dedicandosi alla danza con assoluta dedizione. Sapendo, però, che avrebbe faticato a trovare lavoro in una compagnia di danza a causa dell’eccessiva statura; iniziò a cercare altri lavori per sbarcare il lunario.



Audrey Hepburn e Vacanze Romane

Il regista William Wyler era solito girare film negli studios. Con “Vacanze romane” decise invece di girare la pellicola in esterni nella città eterna. Basandosi sul racconto breve di Jan McLellan Hunter, propose sin dal principio il ruolo dell’affascinante giornalista a Gregory Peck. L’attore si fece persuadere, in quanto si rese subito conto che la vera protagonista della pellicola sarebbe stata la principessa; ma alla fine accettò. A chi assegnare il ruolo della principessa? Jean Simmons ed Elizabeth Taylor erano le prime scelte, ma non si resero disponibili. Il regista decise allora che l’attrice sarebbe dovuta essere semi sconosciuta, bella ma con personalità. Audrey fece un provino al termine del quale, su richiesta di Wyler, le macchine da presa vennero lasciate in funzione anche dopo il suo stop.


Grazie al ruolo della principessa Anna, Audrey ottenne il primo vero assaggio di fama. Si instaurò anche un forte legame di amicizia, destinato a durare per tutta la vita, con Gregory Peck; il quale contattò personalmente il suo agente per assicurarsi che il nome della Hepburn avesse uno spazio esattamente uguale al suo sulle locandine del film. Nel 1954, Audrey a soli 24 anni vinse il premio Oscar come miglior attrice protagonista.


19 visualizzazioni